martedì 28 giugno 2011

L'ULTIMO DEI TEMPLARI - SEASON OF THE WITCH

Ok, la scorsa settimana ho tremendamente toppato andando a vedere ESP, ma era gratis quindi pochi shame on me.
Adesso però è giunto il momento di fustigarmi perchè ho pagato per vedere L'ultimo dei Templari ed è giusto che io soffra per l'assurdo gesto che ha condotto le mie dita lungo le banconote custodite nel portafogli portandole a cingere un pezzo da 10 e a consegnarlo alla cassiera del multisala.
A mia lieve discolpa posso solo dire che l'alternativa era tra Transformers 3 e Libera Uscita e alla fine ho tentato di scegliere il male peggiore...sbagliando!!!
Eh sì L'Ultimo dei Templari è qualcosa di incredibile tant'è che nemmeno il titolo è giusto.
Non che pretenda a tutti i costi la traduzione dall'originale, per carità, ma mi domando solo com'è possibile intitolare ai templari un film su dei cavalieri crociati!!!
Si, avete letto bene, dei templari non vi è alcuna menzione nella pellicola di Dominic Sena e le scorribande in cui s'imbattono i protagonisti del film sono effettivamente le battaglie combattute dai guerrieri crociati a cui peraltro i templari non si sono storicamente nemmeno affiancati!!!
Ok, riscontrato ancora una volta che noi italiani siamo eccezionali nel farci riconoscere andiamo avanti e parliamo della trama.
Behmen (Nicolas Cage) è un cavaliere crociato (ma dai??? credevo fosse un templare dal titolo) che dopo aver combattuto innumerevoli e sanguinarie battaglie fianco a fianco col compagno d'armi Felson (Ron Perlman), abbandona le armi a causa del suo rimorso per aver ucciso anche innocenti in nome della della Chiesa. Scacciati come disertori i due s'incamminano verso il ritorno in patria quando giunti in una città assediata dalla peste, i due ex crociati vengono riconosciuti ed arrestati. Anzichè condannarli la Chiesa chiede loro di prendere in custodia una strega (Claire Foy), ritenuta autrice della pestilenza, e di portarla in una remota abbazia dove i monaci possano processarla e giustiziarla per poter fermare l'epidemia.
Il film può essere diviso in tre parti, la prima dedicata ad illustrare i personaggi di Cage e Perlman facendo vedere i due Crociati che prima delle battaglie fanno scommesse su chi ucciderà più eretici, la seconda, dedicata al viaggio verso il monastero, caratterizzato da piattissimi colpi di scena telefonatissimi, e la terza che tenta inutilmente di assumere dei toni più horrorifici toppando miseramente!!!
Ogni segmento di trama è infatti permeato da enormi difetti: inizialmente i due cavalieiri appaiono ridicoli tra scomesse, parolacce da slang giovanile (siamo nel XIV° secolo!) e combattimenti all'arma bianca con mosse alla matrix.
La parte del viaggio è in assoluto la più noiosa del film a causa dell'incapacità dello sceneggiatore e del regista di introdurre gli elementi di sorpresa secondo dei canoni adeguati.
Tutto è prevedibile, telefonato e quando arriva è anche mal realizzato!!!
L'ultima parte poi appare slegata dal resto: sebbene s'intuisca abbastanza presto il finale cui il regista vuole andare a parare, la rivelazione ultima giunge un po' così, per chiudere il tutto, sbilanciando la piattezza del viaggio con un climax di lotte fra mostri che mal si amalgama nell'insieme.
Alla fine L'Ultimo dei Templari è un miscuglio tra storia, avventura, giallo e horror, ma nessuno degli aspetti appare ben approfondito.
A condire il tutto abbiamo poi il monoespressivo Nicolas Cage che davvero non è in grado di dare un contributo alla pellicola. Bravo come sempre il compare Perlman anche se nell'insieme ci si rende poco conto della sua presenza perchè si alternano stati di narcolessia a conati vari.
Mi sa che domani vado a vedere CARS, forse la trama sarà più coinvolgente!!!

8 commenti:

  1. da quello che ho letto ti ha fatto proprio schifo...a me Nicolas Cage piace(va) tanto ma dopo l'ultimo film, quello delle premonizioni trovate dentro una cellula sotterranea (non ricordoil titolo si vede?) mi è caduto tantissimo....

    RispondiElimina
  2. Credo tu ti riferisa a "Segnali dal Futuro", io invece ho un rapporto di odio profondo nei confronti di Nicola Cagioni (vero nome!!!) che inizia più o meno da Con Air, passa per 8mm Omicidio a Luci Rosse, si sofferma profondamente su Ghost Rider, s'interrompe su Kick Ass, ma riprende tragicamente su quest'ultimo film che è veramente na munnezza!!!

    RispondiElimina
  3. ahahaha...io mi sono innamorata di lui quando ha fatto Arizona Junior negli anni ottanta...giovanissimo. In Con Air mi aveva fatto ridere(x non dire piangere) e come te alti e bassi ma lo giustificavo.In The City of Angels mi aveva commosso (mi è piaciuta la sua interpretazione ma non molto la trama) poi il cascatone irrimediabile anche se sono andata a vedere l'Apprendista stregone solo perchè c'era lui....

    RispondiElimina
  4. Pensa che l'Apprendista Stregone non mi è dispiaciuto!!!

    RispondiElimina
  5. io credo che se facesse l'attore comico non sarebbe male. Mi ha fatto sbellicare quando in The Family Man cambia il pannolino al figlio...ce lo vedi? ;)

    RispondiElimina
  6. quello era davvero un film terribile!!!

    RispondiElimina
  7. Avete dimenticato tra le supreme brutture 'The wicker man' il ramake di un vero gioiellino inglese anni '70. Davvero non si può guardare.
    In generale, se in un film recita il sig. Cage io passo :D

    RispondiElimina
  8. eeeeehh, ma ce n'è di brutture firmate nicolino gabbia ecco la mia top 10 personale:
    10) the rock
    9) omicidio in diretta
    8) zandalee
    7) apache oceano di fuoco
    6) 8 mm omicidio a luci rosse
    5) face off
    4) fuori in 60 secondi
    3) family man
    2) il mandolino del capitano corelli
    1) con air

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.